Janelle Monáe pubblica la nuova canzone "Say Her Name" per protestare contro la brutalità della polizia contro le donne nere

2021-09-24

Janelle Monáe non è estranea all'utilizzo della sua piattaforma per far luce sulle esperienze della comunità nera. 

La cantante e attrice 35enne ha collaborato con l' African American Policy Forum e altre 15 donne e attiviste nere per pubblicare la sua nuova canzone di protesta, "Say Her Name", come inno per onorare le donne e le ragazze nere che erano ucciso dalle forze dell'ordine.

Con "Say Her Name" - un seguito alla sua canzone del 2015 "Hell You Talmbout" - Monáe dice a PERSONE che voleva "portare più consapevolezza su ciò che non è stato coperto e anche consentire alle loro famiglie l'opportunità di essere in grado di ascoltare le persone condividono le loro storie sulle loro figlie come gli esseri umani che erano e come le figlie che erano".

La star di Hidden Figures afferma che dopo aver pubblicato "Hell You Talmbout", ha avuto un'esperienza illuminante e "ha appreso della quantità di donne - donne nere in particolare - che hanno perso la vita a causa della violenza della polizia e le loro storie non sono state coperte, " dice Monae. "Ho pensato che fosse super importante che tutti noi, su scala globale, diventassimo consapevoli". 

La canzone di 17 minuti onora 61 donne e ragazze nere cantando i loro nomi.

CORRELATO: Janelle Monáe afferma che Antebellum "brilla la luce" sulle esperienze "orribili" che le donne di colore hanno affrontato

La dott.ssa Kimberlé Crenshaw, cofondatrice dell'African American Policy Forum, afferma che la comunità "ha perso consapevolezza di questa tragedia che è accaduta a troppe donne nere" e il crescente attivismo è "il tipo di cambiamento necessario" nella nostra società per "ingiustizie al contrario". 

Come attivista vocale, dice, non importa dove sia andata o con quale fascia demografica stesse parlando, la gente riconoscerebbe facilmente i nomi degli uomini neri uccisi dalla polizia - Eric Garner , Michael Brown , Tamir Rice - ma pochi riconoscerebbero le donne e ragazze che si trovavano nelle stesse situazioni.

"Il silenzio che circonda l'uccisione delle donne nere è ciò a cui abbiamo appena assistito. Quindi cosa faremo per invertire la tendenza?" Crenshaw spiega. "Il dire il suo nome è stata la creazione di quella cacofonia di suoni. Dovevamo non solo pronunciare i loro nomi, ma far saltare la barriera del suono pronunciando i nomi che erano stati cancellati per così tanto tempo".

Aggiunge: "Diciamo i loro nomi, portiamo consapevolezza sul fatto che così tante delle loro famiglie sperimentano non solo la perdita della figlia, ma la perdita della perdita. È come se la loro uccisione non significasse nulla e perché non non viene segnalato, c'è un trauma aggiuntivo che la famiglia deve affrontare".

Janelle Monae e Kimberlé Crenshaw

I proventi della canzone e del video andranno a beneficio della campagna #SayHerName dell'AAPF. L'organizzazione crea risorse di emergenza per sostenere le madri e le persone care di coloro che sono morti. I fondi sosterranno anche lo sviluppo dell'arte che aiuta le famiglie a raccontare la loro storia.

"Fondamentalmente cerchiamo di riparare e curare lo spirito e il corpo, il trauma e le possibilità che ancora ci aspettano", dice Crenshaw a PEOPLE. "Quindi questa canzone, l'enorme dono che gli artisti ci stanno facendo, ci permetterà di fare più lavoro che francamente, molte persone non sanno nemmeno che deve essere fatto."

CORRELATO: Janelle Monáe è "teletrasportata nella vecchia Hollywood" per la performance "cinematografica" di Ralph Lauren Show

Insieme a Monáe e Crenshaw, "Say Her Name" comprende anche Beyoncé , Alicia Keys , Chlöe x Halle , Tierra Whack, Isis V., Zoë Kravitz , Brittany Howard , Asiahn, Mj Rodriguez , Jovian Zayne, Angela Rye, Nikole Hannah-Jones , Brittany Packnet Cunningham e Alicia Garza. 

Tuttavia, Monáe assicura che l'attenzione non sia sulle celebrità con cui ha collaborato, ma sull'AAFP e sull'impatto storico che possono avere.

"Ognuno di noi è una figlia e ci siamo uniti a un livello umano, da sorella a sorella per onorare questi nomi", dice.

"La musica è sempre stata una terapia per me. Ciò che questa [canzone] sta anche facendo è catturare un momento della nostra storia e come ci siamo uniti per diffondere la parola su chi sono", aggiunge il cantante. "Essere in grado di elevare i loro nomi in questa canzone è prendere un pezzo di storia americana e prendere un pezzo di ciò che è successo in modo che la storia non si ripeta di nuovo".

Janelle Monae

Vuoi ricevere le storie più importanti da PERSONE ogni giorno della settimana? Iscriviti al nostro nuovo podcast , PEOPLE Every Day, per ricevere le notizie essenziali su celebrità, intrattenimento e interesse umano dal lunedì al venerdì.

"Say Her Name" viene rilasciato prima della Giornata internazionale delle figlie il 26 settembre e onora le seguenti donne e ragazze nere: Rekia Boyd, Latasha Nicole Walton, Atatiana Jefferson, Kendra James, Priscilla Slater, Yuvette Henderson, Renee Davis, Kyam Livingston, Cynthia Fields, Kindra Chapman, India Kager, Shelly Frey, LaJuana Phillips, Kisha Michael, Dannette Daniels, Crystal Ragland, Pamela Turner, Latandra Ellington, Crystalline Barnes, Korryn Gaines, Michelle Cusseaux, India Cummings, Sandra Bland, Symone Marshall, Yvette Smith , Margaret Mitchell, Mya Hall, Tyisha Miller, Alesia Thomas, Kayla Moore, Alberta Spruill, Breonna Taylor, Aiyana Stanley-Jones, Nizah Morris, LaTanya Haggerty, Layleen Polanco, Shereese Francis, Sheneque Proctor, April Webster, Kathryn Johnston, Michelle Shirley , India Beaty, Tanisha Anderson, Sandy Guardiola,Shukri Ali Said, Duanna Johnson, Eleanor Bumpurs, Jessica Williams, Sarah Riggins, Charleena Lyles, Sharmel Edwards, Deborah Danner, Joyce Curnell, Natasha McKenna, Darnesha Harris, Pearlie Golden, Miriam Carey e Tarika Wilson.

"Say Her Name" è disponibile per lo streaming qui . Scopri di più sull'African American Policy Forum e fai una donazione qui .

Suggested posts

Ray J rilasciato dall'ospedale di Miami dopo la battaglia con la polmonite

Ray J rilasciato dall'ospedale di Miami dopo la battaglia con la polmonite

Il manager della star di Love & Hip Hop ha confermato il suo ricovero in ospedale a PEOPLE la scorsa settimana

È morto all'età di 83 anni Paddy Moloney, fondatore della band irlandese The Chieftains

È morto all'età di 83 anni Paddy Moloney, fondatore della band irlandese The Chieftains

È morto il "pifferaio magico" irlandese che con i Chieftains ha contribuito a portare la musica folk in prima linea nel mondo.

Related posts

Sii una mosca sul muro delle prove in studio dei Beatles del 1969 nel nuovo trailer di Get Back

Sii una mosca sul muro delle prove in studio dei Beatles del 1969 nel nuovo trailer di Get Back

Get Back sarà presentato in anteprima su Disney+ il 25 novembre e uscirà in tre giorni

Olivia Rodrigo afferma di non aver letto di se stessa su Internet: "Questa non è la vita reale"

Olivia Rodrigo afferma di non aver letto di se stessa su Internet: "Questa non è la vita reale"

Olivia Rodrigo ha parlato con Alanis Morissette di tenere a bada l'energia negativa in una chat per Rolling Stone

Britney Spears dice che "pensa di pubblicare un libro l'anno prossimo" e chiede ai fan idee per il titolo

Britney Spears dice che "pensa di pubblicare un libro l'anno prossimo" e chiede ai fan idee per il titolo

La sorella minore di Britney Spears, Jamie Lynn Spears, ha annunciato all'inizio di questa settimana di aver "finalmente finito di scrivere" il suo libro di memorie, intitolato Things I Should Have Said

Categories

Languages